Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Agenda Geek | September 22, 2014

Scroll to top

Top

No Comments

VisitBritain e i 100 Tweets a 100 giorni da Londra 2012

Daniela Geraci

100 giorni a Londra 2012
image-1
Saranno le Olimpiadi più social, tanto da avere una piattaforma sociale per connettere atleti e fan per volontà del Comitato Olimpico Internazionale (IOC). Vogliono essere le Olimpiadi che ispireranno una generazione (“Inspire a Generation” il motto dei Giochi). Sono già la grande occasione per far scoprire al mondo le meraviglie inglesi, perché Londra 2012 è un progetto che riguarda tutta la nazione.

In prima linea per promuovere il turismo inglese c’è naturalmente VisitBritain che è sicuramente pronto a ottenere il massimo da quest’anno olimpico. Ecco perché c’è anche la sua firma tra le numerose celebrazioni che hanno segnato i 100 giorni dall’inizio ufficiale dei Giochi di Londra 2012.

Una campagna semplice ma efficace e ben organizzata, sviluppata su Twitter: nell’intera giornata di mercoledì VisitBritain, attraverso una staffetta che ha i coinvolto le sue sedi in 3 continenti (Regno Unito, USA, Australia) ha animato la giornata dei suoi followers con 100 tweets  a tema sportivo.

Non poteva mancare l’hashtag che ha accompagnato tutte le iniziative della giornata ovvero #100daystogo e naturalmente c’è stato spazio anche per giocare con gli utenti invitati a scoprire quale dei 100 tweet fosse falso per poter avere la possibilità di vincere uno dei gadget creati per le Olimpiadi di Londra 2012.

Ma come abbiamo detto questa è l’occasione per mettere in luce tutte le risorse e le bellezze sparse nelle varie regioni inglesi. Ed è esattamente questo che VisitBritain ha fatto tramite Twitter: ogni Tweet, ogni fatto sportivo sono stati in realtà solo una “scusa” per fornire all’utente diversi link utili per conoscere un po’ di più il paese che questa estate ospiterà le Olimpiadi.

Dal World Concker Championship di Northampton ai poster olimpici di Londra 2012 presenti al Tate Britain, dai luoghi da visitare nelle vicinanze dei siti olimpici ai vari musei sportivi dedicati a rugby, canottaggio, golf, da Zaha Hadid architetto sia dell’ Aquatics Centre di Londra che del Riverside Museum di Glasgow alla competizione per incoronare il più bugiardo al mondo che si tiene annualmente in Cumbria: Londra 2012 è solo l’inizio.

A meno di 100 giorni dalla cerimonia di apertura, Londra e tutto il Paese sono pronti per lo sprint finale. Tanto è stato fatto, tanto deve essere ancora fatto e  di sicuro, comunque vada, le critiche non mancheranno. In ogni caso tutte le persone coinvolte stanno facendo del loro meglio per trasformare questi giochi in un’opportunità grandissima per tutta la nazione, una nazione pronta a dare il benvenuto a tutto il mondo.

 

 

 

 

 

 

 

Submit a Comment