69730_519957274684192_1732129548_n

Internet Apocalypse, Wayne Gladstone

Cosa accadrebbe se un giorno, al vostro risveglio, internet fosse svanito? Questo è il grande quesito dietro a Internet Apocalypse di Wayne Gladstone. Non parlo di un disservizio di un paio d’ore, della possibilità che non ci sia rete in casa nostra per via di una bolletta non pagata, il modem rotto, un guasto sulla linea o un’interferenza. Con il termine “svanito” intendo proprio svanito, perduto, volatilizzato, come se non fosse mai esistito. Sarebbe una tragedia, ve lo dico io. Ritrovarsi nel 2014, ormai quasi 2015, a vivere come se internet non esistesse: un incubo in pratica. Non dei peggiori, certo, ma almeno nella cinquina dei possibili incubi più spaventosi che io possa immaginare. E non perché, senza internet, io non stare qui a chiacchierare con voi di libri e nemmeno perché non potrei più stare su Twitter o Facebook a scrivere e leggere cose senza senso.

Se vi fermate a riflettere vi stupirete di quanto sia incredibilmente alto il numero di vite dipendano da una cosa che, materialmente, non esiste. No, ok, esiste ma non è un oggetto, capite? Non è materiale, internet non si tocca. Non esci con internet per prendere un caffè al bar, non lo indossi per

Cover_Internet_Apocalypse
image-23369
una serata in discoteca, non lo usi per mettere benzina, non lo porti a spasso la domenica pomeriggio. Nonostante ciò, internet c’è, esiste, e gran parte della nostra ne dipende se non totalmente – per fortuna! –  in larga misura.

Eppure, un giorno, nella New York di Wayne Gladstone, internet smette di funzionare. Tante le ipotesi iniziali: un malfunzionamento nella rete di New York, un disservizio momentaneo, problemi ai satelliti. Ma, più giorni passano, più si fa strada la consapevolezza: internet è stato rubato. Da chi, da cosa e soprattutto perché? Così, in compagnia di Tobey – un blogger suo amico – e Oz – una ragazza australiana con un lavoro che definirei “bizzarro”– intraprenderà un improbabile viaggio alla ricerca di internet. Con un linguaggio semplice e una buona dose di ironia. Wayne Gladstone – l’autore, ma anche il protagonista del romanzo – invita a riflettere su ciò che la nostra vita è diventata e, in un certo senso, sull’importanza dei rapporti umani.

Un romanzo, Internet Apocalypse, che sebbene appartenga al genere distopico, ironico distopico per la precisione, dice della nostra generazione più di quanto possa fare un saggio.

Fonte immagini: Multiplayer.it Edizioni | Multiplayer.it Edizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *