Che cos’è Blender (e a che cosa serve)

Che cos’è Blender e a che cosa serve?

Blender è una suite di programmi, racchiuso in un unico programma il cui scopo è la modellazione 3D.

Con Blender si può impostare un proprio rendering, in un flusso di lavoro che parte da zero: si può creare un’immagine, creare gli elementi che la compongono e disporli nello spazio; si può decidere come settare un render, ovvero una fotografia di ciò che abbiamo creato. Poi c’è il post processing, ovvero il miglioramento di quella foto.

Lo facciamo perché costa meno di uno studio fotografico, ed è meno costoso della suite di Photoshop.

Un’altra cosa che si può fare con Blender è lo Sculpting, cioè scolpire: è una pratica molto interessante per chi vuole creare modelli molto realistici per i videogiochi. O per chi – possedendo una stampante 3D e le giuste conoscenze su come impostarla – vuole stampare oggetti realizzati con questa particolare tecnica.

 

Cos’è un render? Cosa significa fare rendering?

Un render è un’immagine creata da zero: crei gli elementi, li disponi su un piano, gli dai le giuste luci, le giuste angolazioni. Poi si passa a rendere tutto più credibile: il post processing, la lavorazione dell’immagine creata, è il processo che serve a rendere tutto il più reale possibile.

A chi è rivolto il corso?

Il corso si rivolge a:

  • Architetti: è una valida alternativa a 3Dmax (programma a pagamento), ed inoltre permette di costruire da zero ogni singolo elemento del render (dal mattone al muro).
  • Designer: sicuramente, chi crea elementi di arredo e fa arredamenti d’interni, con 3Dmax può ricreare ambienti domestici e arredarli;
  • Ingegneri: con Blender si possono anche fare simulazioni fisiche;
  • Programmatori: è più raro, ma anche i programmatori possono interessarsi a blender, anche perché, essendo un sistema open source, si può mettere mano al codice sorgente.

 

Che problema risolve Blender?

Ti permette di creare un render foto-realistico senza per forza spendere un capitale in programmi e pc ultra performanti.

Inoltre per chi sta cercando uno strumento capace di ricreare simulazoni fisiche, Blender è in grado di offrire tante esperienze di PBR (physics based render), in primis quelle che riguardano la luce.

Non servono calcoli matematici ultrapesanti: basta una conoscenza base della fisica, ottenibile da un comune testo scolastico.

Quanto è potente Blender?

Dipende da te. Se sei portato, se hai voglia di esplorare il mondo dell’open source, informandoti sulle tecniche avanzate (che puoi trovare nei forum di cui parleremo nel corso) puoi virtualmente fare di tutto.

Ovvio: Blender non è un CAD, ma in compenso puoi farci progetti per stampe 3D con un add-on gratuito (ma di questo NON parleremo nel corso).

 

Detto in tre righe: Questo è un corso che può dare una base a chi vuole creare render a basso costo ma con alta resa; a patto che voglia imparare sempre cose nuove e sia costantemente incuriosito. È un corso per un Geek!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *